Recensioni

Recensioni

2015 dott.ssa Velia Gini Bartoli

 

Elisa:

Elisa Spagnoli è, nella realtà, quello spirito libero che traspare dalle sue opere rivelando un mondo interiore denso di emozioni profonde . La sua formazione, come allieva di Ferruccio Mataresi, le ha fornito una notevole padronanza del linguaggio figurativo ed è proprio su queste basi che l’evoluzione della sua ricerca ha lasciato emergere, con chiarezza sempre maggiore, il valore autonomo delle forme.

Anche nelle sue opere più mature l’artista, pur usando il linguaggio dell’astrazione, conserva sempre una matrice espressionistica non separandosi quasi mai dalla realtà ma, al contrario, fornendoci spunti riconoscibili del significato originale delle forme.

I suoi paesaggi non rappresentano un luogo specifico ma più semplicemente lo evocano; così come le sue composizioni astratte, pur alludendo talvolta alla fisicità del paesaggio urbano, lo esprimono con un linguaggio interiore, un’aspirazione ad “andare oltre” che il linguaggio, da solo, non sarebbe sufficiente a spiegare.

L’esperienza di Elisa Spagnoli, certo connessa all’Astrattismo Lirico, conferma quanto i termini di astrazione e figurazione, a proposito di arte, siano ormai poco significativi poiché è solo la singola capacità creativa che ha il potere di trasformare le sensazioni in opera: artista è chi sa tradurre in forme e colori l’anima delle cose.

Quando Kandinskij scriveva, a proposito dello spirituale nell’arte: Mi sembrava che l’anima viva dei colori emettesse un richiamo musicale quando l’inflessibile volontà del pennello strappava loro una parte di vita, alludeva al fatto che il colore possiede una sonorità interiore che può essere amplificata o compressa da forme che non hanno bisogno di confini logici da individuare ma piuttosto di combinazioni armoniche che, come nella musica, esprimano liberamente sentimenti ed emozioni.

Una giovane e straordinaria artista, Elisa Spagnoli, con un “sentire” che, se da una parte lascia intravedere un misticismo laico di forte contenuto spirituale, dall’altra riesce a rappresentare una realtà filtrata e rarefatta che sottende sempre la presenza umana.

Le sue opere non hanno bisogno di spiegazioni, che in genere sono nemiche dell’arte perché … L’arte agisce sul sentimento e quindi può agire solo con il sentimento. (W.K. 1909)

 

Velia Gini Bartoli (novembre 2015)

 

2010 Dott.ssa Mariarosaria Belgiovine“ La sua creatività esalta la magia degli accostamenti cromatici , simbolicamente legati alla percezione del suo io interiore … L’emotività dei suoi equilibri tonali sottolinea e coinvolge la sua ricerca materica, frutto di studiate evoluzioni oniriche della ricerca …un’opera che ammette ogni turbamento della sua anima , con una piccola ma preziosa applicazione.La stesura deventa importante , e monocromatica, seguendo i suggerimenti della sua creatività , insistente e suggestiva…”

Maria rosaria Belgiovine

2006 Dott.re Pino Bonanno “ Artista italiana di Livorno , opera nelle diverse tecniche pittoriche ed affronta , con particolare sensibilità e grande energia cromatica , gli sviluppi creativi.

Il suo è un percorso artistico originale acquisito con passione e ragione : due elementi indispensabili per qualificare personalità e libertà espressive.

Nei suoi lavori si concentra , con autonomia e sapienza espositiva, il linguaggio della contemporaneità, utilizzando un modulo singolare , aperto e del tutto riconoscibile.

Realizza una struttura compositiva compatta con un colorismo schietto e vibrante , in equilibrio fra la narrazione e la visione gnomica.

 

 

2006 Dott.ssa cristina Olivieri “ Modulazioni cromatiche e luminose animano le opere di questa artista dando vita a tele e tavole suggestive che si fanno rappresentazione dello stesso modo di sentire.”

 

 

2003 dott.ssa Maddelena Paola Winspear “La pace è l’emersione lenta di un tenue chiarore da una materia scura,densa , color petrolio, che ricopre gran parte della tavola. E’ un filo , quindi una striscia: un orizzonte lontano.

Il linguaggio figurativo di Elisa Spagnoli si colloca saldamente nell’ambito dell’informale “classico”, di tradizione, che ella declina con facilità. Questo è un pregio dell’opera adulta di oggi ; questo potrà essere un limite ove il peso delle capacità acquisite dovesse soverchiare in futuro il desiderio della giovane autrice di rinnovarsi.

 

2003 dott.re Mauro Barbieri “ Il non reale nella realtà di Elisa Spagnoli” tratta dall’intervista sul periodico Arte a Livorno.”..le sue sensazioni sono libere , la fantasia non è vincolante a norme e convenzioni di alcun genere . ….E’ difficile capire le regole dalle quali prende vita il linguaggio di Elisa , ma proprio per questo ancora più affascinante…”